[Anteprima] Romolo + Giuly: La guerra mondiale italiana, la nuova serie tv nazionale - Nerdando.com
Film & Serie TV

[Anteprima] Romolo + Giuly: La guerra mondiale italiana, la nuova serie tv nazionale

Romolo + Giuly: La guerra mondiale italiana
In occasione del Road to FeST, evento milanese di preparazione al FeST ideato da Marina Pierri e Giorgio Viaro e dedicato alle serie TV in arrivo sul piccolo schermo che si terrà dall’11 al 14 ottobre prossimo presso la Santeria Social Club, ho assistito alla proiezione delle prime due puntate di Romolo + Giuly: La guerra mondiale italiana, nuovissima serie comedy italiana FOX, coprodotta in collaborazione con Wildside e Zerosix Productions. Vi racconto le mie impressioni.

Recensione

Michele Bertini Malgarini, Alessandro D’Ambrosi e Giulio Carrieri quando nel 2016 hanno pensato a questo format per una webserie, non si aspettavano che avrebbe avuto tutto questo successo.
Visto l’entusiasmo con cui la loro storia sugli stereotipi romani è stata accolta, Fox ha deciso di commissionare a gennaio 2018 una prima stagione di 8 episodi. E l’aspettativa è davvero alta.

Al Road to FeST i due protagonisti, insieme al piacevolissimo Fortunato Cerlino (il Boss Savastano di Gomorra, per intenderci) ci hanno ricordato l’importanza ed il bello dell’essere italiani. Perché siamo diversissimi e questa è la nostra ricchezza.

Attraverso quest’opera tutti i soggetti coinvolti (dal vice presidente Fox Italia, ai produttori, ai protagonisti presenti in sala) hanno voluto sottolineare l’importanza di creare personaggi che siano mostri, di cui lo spettatore debba ridere temendo di incontrarli per strada nella realtà.

Hanno voluto rimarcare l’importanza del riscoprire la SATIRA come espressione di un paese libero e come mezzo fondamentale per saper accogliere le tantissime differenze che ci sono da una regione all’altra e che sempre più spesso viviamo come pretesto per giudicare con violenza e aggressività chi è diverso da noi. E questo, a mio parere, è importantissimo.

In un momento come questo saper riportare su un piano più rilassato quello che ci rende diversi (e magari scoprire che si può anche riderci sopra) è il vero grande merito di quest’opera, aldilà della bravura indiscussa degli attori, dell’originalità dell’idea e della sceneggiatura.

Trama

La storia d’amore più famosa di tutti i tempi prende pieghe inaspettate quando lo scenario non è più quello romantico della Verona cinquecentesca ma quello della Roma moderna, spaccata in due da ideologie, tradizioni, valori, moda, abitudini e linguaggio che più diversi non potrebbero essere.

Tra i borgatari fancazzisti e tamarri de Roma sud e i puzzoni superficiali e sprezzanti del prossimo de Roma nord è difficile scegliere chi sia peggio. L’amore tra la bella Giuly Copulati e l’inquieto Romolo Montacchi nato come vuole la tradizione imbucandosi ad una festa, è però solo uno dei fattori che porteranno alla guerra mondiale: il mefistofelico Giorgio Mastrota a Milano e il Don Alfonso partenopeo non possono rinunciare al controllo sul potere della propria metropoli e decidono di coalizzarsi per recuperare potere ai danni della Capitale.

Cast

Alessandro D’Ambrosi, oltre ad essere uno degli ideatori di questa promettente serie TV, interpreta Romolo Montacchi, il tamarrissimo protagonista maschile che si innamora di quella “gran fregn…” (parole sue, non mie) della graziosissima Giuly Copulati (Beatrice Arnera, davvero brava nel rappresentare lo stereotipo della fighetta pariolina nonostante le sue origini piemontesi).

Il capostipite della famiglia che domina Roma Nord, Massimo Copulati, è l’intramontabile Ciavarro, mentre Giorgio Mastrota (sì, il televenditore Eminflex) è Giorgio Mastrota il televenditore (ma anche capo di una setta massonica che vuole sconfiggere il dominio romano su Milano).

Fortunato Cerlino è ancora una volta credibilissimo nel ruolo del potentissimo boss che domina Napoli (intenzionalmente ispirato a Savastano), così come Francesco Pannofino è sempre il solito meraviglioso cialtrone visto in Boris (anche se in questo caso ricopre il prestigioso ruolo del Presidente della Regione Lombardia).
Disseminati nelle varie puntate tantissimi personaggi famosi che compaiono per un cameo, ma non voglio levarvi la sorpresa.

Nerdando in breve

Se vi è piaciuto Boris e sentite la necessità del ritorno di un po’ di sana satira (che tanto manca a questo Paese ultimamente), sintonizzatevi su Fox dal 17 settembre, non ve ne pentirete!

Nerdandometro:
(4,6 / 5)

Trailer

Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi e il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post e articoli quotidianamente, con uno stile simile a una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci ha fatto costituire un’associazione culturale e ci spinge a essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente, il nostro gruppo Facebook e il nostro account Twitch.

La redazione

Luigi
Claudia
Francesco
Stefano
Julian
Maurizio
Giandomenico
Maria Valeria
Giacomo
Danilo
Francesco
Paolo
Giulia
Serena
Francesca
Daniela
Paolo

© Copyright 2014-2018 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com | Tel. 3518450064

To Top