La prima volta di Robert Kirkman in Italia - Nerdando.com
Altre nerdate

La prima volta di Robert Kirkman in Italia

Robert Kirkman approda in Italia per la prima volta e lo fa in occasione del Lucca Comics & Games 2017.

Il tema di questa edizione del Lucca Comics & Games è “Heroes” e Kirkman ha fornito alla platea la sua definizione di eroe: è chiunque esca dalla propria comfort zone per compiere un gesto buono per gli altri; l’elemento più importante è il sacrificio. È il sacrificio che rende eroico un gesto. Quando un personaggio delle sue opere si trova in una situazione in cui è a proprio agio ed esce da questa situazione si trasforma o può trasformarsi in un eroe.

Oblivion

Kirkman ha poi parlato di Lorenzo De Felici e della nuova opera: Oblivion Song. Ha tenuto a citare la sua particolare sensibilità nel modo di lavorare, specificando che il suo apporto è stato enorme per il fatto che il mondo di Oblivion è stato creato da zero e l’hanno creato insieme. In questa dimensione esiste un ecosistema completamente nuovo che deve funzionare, deve avere un senso, sembrare scientificamente plausibile e, allo stesso tempo, essere unico: è lì che Lorenzo ha dato il suo contributo maggiore.

Cambiando totalmente argomento, si è virato il discorso sulla paura, che è un elemento importante delle storie di Robert Kirkman, che ha affermato che lui teme sia i mali del mondo sia quelli che si nascondono nella propria casa e che ci sono dei mali esterni di cui spaventarsi, aggiungendo anche che è molto plausibile che dentro noi stessi ci sia qualcosa di malvagio; è interessante scoprire il percorso che ci porta a realizzare ciò di cui siamo capaci e di cui sono capaci gli altri. Secondo Kirkman è molto interessante che ognuno di noi abbia un punto di rottura, una linea che non vorrebbe attraversare ma che alla fine, a causa di eventi particolari, poi attraversa.

Outcast

Si è dunque parlato della terza stagione di Outcast; purtroppo il partner americano Cinemax è in fase di ristrutturazione interna e questo ha portato a ritardi sulla messa in onda della seconda stagione. Attualmente tutti sono in attesa di notizie per il prosieguo.

Compiendo un ennesimo volo pindarico, si è dunque trattato il tema della famiglia poiché spesso, nei fumetti americani, l’eroe non ha legami invece Kirkman indaga sui rapporti familiari perché ritiene che sia un tema interessante da esplorare proprio perché evitato dagli altri sceneggiatori. In generale, quindi, chi scrive esplora mondi che conosce: essendo Robert sposato con due bambini può scrivere di questo. L’autore ritiene che coinvolgere una famiglia sembra sempre dare più forza a una storia. Le famiglie complicano la vita in maniera interessante e lo stesso succede con le storie.

Romero

Si è dunque parlato di chi ha reso famosi gli zombie al cinema, ovvero Romero, e di come nei suoi film non ci fosse molta speranza di sopravvivenza; Kirkman ha specificato che nelle sue opere a fumetti e nella serie TV di The Walking Dead la speranza è presente e questo perché, a differenza dei film, avendo a disposizione più tempo può allargarsi come vuole trattando maggiormente questo tema.

Kirkman realizzava, 17 anni fa, Battle Pope, un’opera satirica. L’autore ha affermato che scrivere commedie è davvero difficile ed è sempre una sfida, poiché nel realizzare una storia c’è sempre molta pressione ed è complicato aggiungere alla narrazione il tocco umoristico. Ha inoltre aggiunto che ha iniziato la carriera proprio con Battle Pope e vorrà finirla, quando sarà vecchio, con Battle Pope.

Tornando a parlare di cinema, Kirkman ci ha fatto sapere sta lavorando con Goldberg e Rogen, tutto procede per il meglio e la speranza è che ci sarà molto presto una sceneggiatura definitiva per il film tratto da Invincible.

La conferenza si è conclusa tornando a parlare di The Walking Dead: Kirkman ha affermato che è stato un dispiacere vedere morire nella serie TV Tyreese perché Chad Coleman (l’attore che lo interpretava) è un figo.

La mezzora passata in sala stampa con Robert Kirkman è volata via rapida ed è stato un vero onore averlo finalmente visto di persona.

Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi e il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post e articoli quotidianamente, con uno stile simile a una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci ha fatto costituire un’associazione culturale e ci spinge a essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente, il nostro gruppo Facebook e il nostro account Twitch.

La redazione

Luigi
Claudia
Francesco
Stefano
Julian
Maurizio
Giandomenico
Maria Valeria
Giacomo
Danilo
Francesco
Paolo
Giulia
Serena
Francesca
Daniela
Lorenzo

© Copyright 2014-2019 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top