Due chiacchiere con: The Sparker (Volt - Che vita di Mecha) - Nerdando.com
Interviste

Due chiacchiere con: The Sparker (Volt – Che vita di Mecha)

The Sparker

Dopo aver letto e amato i primi due numeri della sua opera Volt – Che vita di Mecha, non ho potuto fare a meno che rapirlo durante il Cartoomics 2017 e chiedergli della genesi di questo fumetto edito da Saldapress. Ecco cosa mi ha raccontato The Sparker, al secolo Stefano Conte.

Maurizio: Ciao Stefano, parlaci di Volt.
The Sparker: Allora, Volt parla di un robot che si trova a lavorare, suo malgrado, in una fumetteria.

Maurizio: Che è il posto più brutto del mondo?
The Sparker: No, no (ride)! Però come tutti i lavori ha le sue particolarità. Nel caso di Volt, lui ha il sogno di diventare un fumettista quindi la sua direzione è un’altra. Poi si trova incastrato in questo mondo che non è proprio lo specchio del suo carattere: lui è introverso e invece si trova ad aver a che fare con gente di tutti i tipi. Questo poi è ripreso dalla mia situazione, che è abbastanza simile: a mia volta ho dovuto fare i conti con la stravaganza del mondo esterno. Quando mi son ritrovato certi soggetti così particolari, così stravaganti, ho dovuto assolutamente iniziare a fare delle strisce per mostrarle su Internet.

Maurizio: Per raccontare che genere di persone popola questo mondo?
The Sparker: Esatto: dalle richieste più assurde, ai personaggi incontentabili e così via. Da queste strisce pubblicate su internet questi personaggi si sono poi evoluti fino a diventare storie vere e proprie.

Maurizio: Non ti nascondo che la parte finale del volume è forse quella che più mi diverte. Al di là della storia, che è molto bella, i pezzi di vita vissuta sono eccezionali.
The Sparker: Quelli volevo metterli per creare la sensazione della giornata che Volt aveva, al di là degli episodi principali che formano il cardine della storia. Inoltre ci è venuto in mente di proporre agli altri negozianti di mandarci i loro aneddoti.

Maurizio: State avendo un buon riscontro?
The Sparker: Sì, soprattutto ora che c’è l’entusiasmo dell’inizio. Speriamo diventi una cosa ancor più diffusa, per non aver sempre gli stessi nomi.

Maurizio: Non sei il primo artista che mi dice quando sia traumatico uscire dallo studio e incontrare le persone per cui si disegna. Fa parte della vostra indole?
The Sparker: Io credo che il disegno sia, per le persone più introverse, una valvola di sfogo. Non è una regola per tutti, ma credo che tanti disegnatori possano aver in comune questa caratteristica.

Maurizio: Volt ha una cadenza bimestrale. Quanto durerà? State pensando ad un ciclo?
The Sparker: Noi stiamo ragionando a stagioni con la prospettiva di andare avanti il più a lungo possibile. Poi dipenderà dall’accoglienza. Però c’è tanto da raccontare e ci sono tante idee, per cui speriamo di aver la possibilità di raccontarle.

Maurizio: Tu sai che hai buttato dentro tante di quelle citazioni dalla cultura nerd da farci saltare sulla sedia ad ogni pagina?
The Sparker: (ride) Fondamentalmente quando disegno Volt cerco di divertirmi, per cui quando mi viene in mente qualcosa che c’entra col contesto cerco di metterla; purché non sia qualcosa che rende difficile comprendere la storia a chi quella citazione non la coglie. La sfida quindi è inserire citazioni che tutti possano apprezzare, dal lettore appassionato a quello occasionale.

Maurizio: Chi è il tuo lettore tipo?
The Sparker: Io mi rivolgo prevalentemente ai ragazzi della mia età, che hanno subito le stesse mie influenze. Però ho visto che piace tanto anche alle ragazze e ai bambini, per cui è già un successo da quel lato: sono riuscito a toccare tanti target diversi.

The Sparker

Maurizio: Perché i Mach?
The Sparker: Mi sono sempre piaciuti i robot, sono cresciuto negli anni ’80, ho vissuto quella generazione di robottoni che è arrivata nel nostro Paese e mi è rimasta nel cuore. Quando ho dovuto scegliere una rappresentazione del personaggio, quindi, ho optato per un robot, anche se è più stilizzato e più simpatico di quelli che combattevano coi mostri giganti.

Maurizio: Perché si chiama Volt e perché tu ti chiami The Sparker?
The Sparker: Allora, The Sparker nasce come evoluzione di altri soprannomi che avevo da ragazzo, un adattamento post-adolescenziale. Volt invece l’ho associato a qualcosa che ricordasse la corrente elettrica, mi è piaciuto e l’ho scelto abbastanza d’istinto.

Maurizio: Influenze, riferimenti? Chi è il tuo eroe? Pensi a qualcuno quando esprimi un’emozione?
The Sparker: Io cerco di immedesimarmi nei personaggi che hanno un riscontro reale, perché ispirati da persone che ho conosciuto. Come influenze di opere c’è sicuramente qualcosa di Rat-Man, di Disney, Dottor Slump e Arale. Tutte quelle cose che mi son piaciute da lettore e che poi son diventate qualcosa di personale.

Maurizio: Oltre a Volt, sei anche su altri progetti o ti sta assorbendo al 100%?
The Sparker: No, mi sta assorbendo anche perché non ho smesso di fare il negoziante quindi il tempo che ho è limitato. Ai tempi, però, avevo creato anche altri personaggi e se Volt piace magari ci sarà la possibilità di approfondire altro. I progetti ci sono, vedremo.

Maurizio: Grazie mille per il tuo tempo.
The Sparker: Grazie a te!

Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top