Volt – Che vita di Mecha #8 - Non aprite quel negozio - Nerdando.com
Fumetti & Libri

Volt – Che vita di Mecha #8 – Non aprite quel negozio

Volt # 8

Recensione

Dopo l’attesissimo ritorno con la seconda stagione, di cui abbiamo parlato un paio di mesi fa, torniamo a discutere di Volt – Che vita di Mecha, un gioiellino tutto italiano di cui non mi stancherò mai di tessere le lodi.

Marchio di fabbrica dell’autore, The Sparker, non è solo la pulizia del tratto e la sceneggiatura brillante, ma anche l’autoironia e tanto citazionismo nerd.
Non aprite quel negozio ci porta nel mezzo del classico horror zombifico anni ’80, con i protagonisti asserragliati all’interno di un luogo apparentemente sicuro e costretti a decidere le proprie strategie per difendersi da un assalto zombie.

Come fare a coniugare questi due mondi, quello di Romero e quello di Volt?
Ancora una volta lo stratagemma è la fumetteria e le strane creature che vi ruotano attorno. A fare la parte degli zombie sono i “Semprechiusi”, ovvero quella categoria di fan che cercano di entrare nel negozio prima dell’apertura.
Ma da semplici scocciatori ecco che l’attesissima uscita del nuovo numero del loro manga preferito (un “Nasuto” su cui non mi spenderò oltre, ma che vi assicuro vi farà ribaltare sulla sedia) li trasforma nelle celebri creature affamate di… fumetti e capaci di contaminare le persone ancora sane su cui mettono le mani (trasformandoli in fan destinati alla povertà e all’ossessione).

Volt mette in campo tutti i cliché: la sortita disperata, la perdita dell’innocente, il guerriero armato fino ai denti che si sacrifica per il gruppo. C’è davvero tutto e c’è con lo stile inconfondibile di questo fumetto capace di regalare degli approfondimenti verticali potenti e salaci, senza dimenticare l’orizzontalità della trama che, anche in un numero fondamentalmente statico come questo, viene portata avanti regalano l’ennesimo cliffhanger da cardiopalma.

In modo particolare ho apprezzato la risoluzione del racconto del vecchio Volt nonno. Nonostante la forte richiesta di sospensione dell’incredulità necessaria per godersi questo numero 8, la chiosa della storia è davvero pregevole: rimette tutto in ordine, almeno per quella che è l’economia dell’universo Volt, senza strafare ma invece gettando l’ennesima ventata di autoironia che ci ricorda che noi appassionati non dovremmo mai prenderci troppo sul serio.

Nerdando in breve

Volt – Che vita di Mecha ci regala un numero ispirato ai film horror anni ’80 davvero degno di nota.

Nerdandometro:
4.1 out of 5 stars (4,1 / 5)

Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi e il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post e articoli quotidianamente, con uno stile simile a una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci ha fatto costituire un’associazione culturale e ci spinge a essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente, il nostro gruppo Facebook e il nostro account Twitch.

La redazione

© Copyright 2014-2019 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top