Ryse: Son of Rome - Day one 2013, ma nel 2014 - Nerdando.com
Videogames

Ryse: Son of Rome – Day one 2013, ma nel 2014

Ryse: Son of Rome

Ryse: Son of Rome

Due giovani uomini varcano la soglia del GameStop.
Dando un’occhiata svogliata agli scaffali, uno si rivolge all’altro: “Oh, guarda, c’è Ryse: Son of Rome – Day One a 19 Euro”, che risponde piccato: “Sì, ho sempre voluto giocarlo, ma adesso siamo degli uomini sposati, dei mariti, delle persone mature che vivono dedicandosi alla famiglia e che non possono permettersi delle distrazioni, devono pensare soltanto alla propria moglie, evitando spese inutili!”.
Concluso il dialogo, interpellando il commesso del negozio, gli porgono una carta blu esclamando: “Beh, i 20 euro sono sul bancone, tenga il resto.”.
Ovviamente, da buoni taccagni, i due hanno deciso di dividere l’importo, sapendo che il titolo non è esattamente ciò che può definirsi longevo.

Per giudicare Ryse: Son of Rome è necessaria una similitudine.
Immaginate di essere un brufoloso teenager, senza alcuna esperienza inerente il meraviglioso mondo delle donne; si presenta da voi una gran figa e vi invita a casa sua, ammiccante.
Fantasticate su come dovrete faticare per poterla avere, presentandovi alla sua porta, chiacchierando con lei davanti ad una birra o ad un più raffinato té, cercando di circuirla e farla vostra sul divano, dopo svariate ore di preliminari.
Giorni di processi mentali ed arriva il grande momento: suonate dunque al campanello, lei vi apre, vi fa suo a terra ed il tutto finisce nell’arco di pochi istanti, vista la vostra estrema emozione.

Ryse: Son of Rome è questo, ha una grafica stupenda, ammetto di non aver visto niente di meglio, finora, su Xbox One, resterei per ore ad ammirare la qualità degli scenari ed i dettagli del protagonista e dei suoi avversari, persino la storia è coinvolgente ma il tutto è terribilmente breve e ripetitivo: le combo sono realizzabili pigiando solo due tasti a tempo, non c’è modo di affrontare le missioni in maniera alternativa, avendo a disposizione soltanto un percorso, ed anche la possibilità di personalizzare il proprio personaggio è inutile in quanto si finiranno per pompare semplicemente i due attributi fisici.

Sono rimasto soddisfatto? Sì, avendolo pagato 10 euro, ma è durato troppo poco: immagino quanto possano aver rosicato gli acquirenti del Day One!



Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top