Rapunzel – Prima del Sì: La prova che non tutti i prequel vengon per nuocere. - Nerdando.com
Film & Serie TV

Rapunzel – Prima del Sì: La prova che non tutti i prequel vengon per nuocere.

Disney

Recensione

“Questa è la storia di come sono morto.”

Chiunque di voi abbia visto Rapunzel – L’intreccio della torre, di sicuro ricorderà come Flynn Rider (alias Eugene Fitzherbert) ami scherzare in qualunque circostanza, senza lasciarsi sopraffare dall’emotività delle situazioni in cui la giovane e spensierata Rapunzel, principessa perduta (e ritrovata) del Regno di Corona, lo trascini spesso e volentieri.

Proprio con queste parole infatti, egli dà inizio al film d’animazione che si è conquistato, nel 2010, il titolo di “50° Classico Disney”.

Dopo diciotto anni segregata in una torre al servizio di Madre Gothel, la giovane fanciulla riesce a fuggire e a conquistare la tanto agognata libertà, scoprendo la passione per l’avventura e un’imprevedibile abilità nel combattimento.

Al termine del film, i due giovani hanno imparato cosa siano fiducia e sincerità, e la dolce principessa si riunisce alla famiglia che non ha mai smesso di aspettare il suo ritorno.

Nel 2012, la Disney ha dato al pubblico un ulteriore finale, producendo il corto “Rapunzel – Le Incredibili Nozze”, nel quale i due protagonisti tentano di sposarsi, commettendo però il grave errore di affidare gli anelli a Maximus e Pascal, il cavallo e il camaleonte più pasticcioni del reame. Con grande impegno di questi ultimi e qualche colpo di fortuna, l’operazione matrimonio giunge a buon fine e i due giovani possono finalmente dedicarsi ai festeggiamenti.

Tuttavia, benché il “felici e contenti” sia già arrivato, è doverosa una piccola riflessione: dopo 18 anni rinchiusa in una torre, colorata ma claustrofobica, una giovane donna viene costretta a stare fra le mura del suo futuro regno, con l’obbligo di non abbandonare mai la reggia senza una scorta armata e di non gironzolare qua e là a suo piacimento. Fondamentalmente, la libertà si stava rivelando molto più limitante del previsto.

Ecco dunque che la Disney entra in soccorso della sua eroina, realizzando una serie animata che racconti le avventure dell’amata principessa, ambientandola subito dopo le vicende del classico Disney ma prima del corto d’animazione.

Inoltre, ad anticipare quella che sarà “Rapunzel – La Serie”, in onda su Disney Channel ogni venerdì dal 27 ottobre alle 20.10, vi è il Disney Channel Original MovieRapunzel – Prima del Sì”, il quale andrà in onda venerdì 20 ottobre alle 20.10 sempre su Disney Channel (canale 613, disponibile solo su Sky).

Trama

Quest’ultimo si apre con l’ormai abituale “Questa è la storia di come sono morto” di Eugene, che subito viene sostituito da un avvincente inseguimento a cavallo vecchio stile, il quale termina in cima alle mura di Corona, dove lui e Rapunzel ammirano il regno che si estende in tutta la sua prosperità.

Poi, proprio come “Aspettando una nuova vita” apre il film del 2010, mostrando il modo di vivere nella Torre, così una nuova canzone illustra quelle che sono le nuove regole cui la giovane si deve attenere a Palazzo.

Lo spettatore è così introdotto alla vita di corte, fra saluti reverenziali, abbigliamenti importanti e parrucche dall’aria immensamente pesante. Inoltre, fin dai primi minuti, viene presentata colei che sarà un personaggio chiave per tutti gli episodi a venire, ossia Cassandra, l’ancella e migliore amica della principessa.

Costei si mostra subito disponibile a dare la vera libertà alla fanciulla, di nascosto da tutti quanti, soprattutto dal povero Fitzherbert al quale riserva solo atteggiamenti bruschi.

È poi a cena che tutto si complica: al cospetto degli illustri ospiti accorsi dai regni alleati, con un discorso struggente e commovente (nel senso che io mi sono realmente commossa durante la visione del film), Eugene le chiede di sposarlo. Colta alla sprovvista e presa dal panico, Rapunzel scappa via, abbandonando la sala gremita di invitati e trovando rifugio dalla valida Cassandra.

Sulle note di una seconda nuova canzone, le due si danno alla macchia eludendo le guardie e, varcate le mura, raggiungono il luogo in cui fu trovato il fiore curativo che le donò i magici capelli.

Nel momento esatto in cui la principessa sfiora una delle misteriose spine infrangibili recentemente spuntate in quel luogo, ecco che la magia assopitasi nel tempo si risveglia prepotentemente, seminando in ogni dove infiniti aculei aguzzi e facendo ricrescere i biondi e lunghissimi capelli di Rapunzel, questa volta però indistruttibili.

Quando Eugene li scopre, un flusso di coscienza in puro stile James Joyce lo assale, ricordando agli amanti della storia il lungo monologo della principessa subito dopo essere fuggita dalla Torre (“Non posso credere di averlo fatto!”).

Quindi, camuffati i capelli, mentre il sovrano si prodiga in un eloquente discorso sul perché comprenda le difficoltà che la giovane sta attraversando, i cattivi della storia, comparsi pochissimo, vengono catturati dalle guardie e incarcerati.

Negli attimi che precedono l’incoronazione, la regina Arianna mostra alla figliola il suo diario dei ricordi, nel quale compaiono le numerose avventure compiute dalla donna prima di essere totalmente assorbita dalla vita di corte. Inoltre costei sembra incentivare la curiosità della figlia nell’esplorare il mondo, donandole un diario nuovo e facendole promettere di essere “sempre prudente, giudiziosa e fedele a te stessa”.

È dunque giunto il momento dell’incoronazione: fra un barcollamento e un timido sorriso, Rapunzel cammina verso il suo destino ma, colpo di scena, la cerimonia viene interrotta. Chi c’è dietro alla brusca interruzione? Riuscirà la giovane principessa a difendersi? Ma soprattutto, la vita a palazzo comporta anche la presenza di padelle più resistenti e adatte al combattimento?

La risposta a queste e molte altre domande viene data pochi minuti prima della terza e ultima nuova canzone, e mentre il lungometraggio si chiude, sul finire della melodia mai ascoltata, una figura misteriosa raggiunge il luogo ormai spinoso da cui proviene il magico fiore…

Nerdando in Breve

In “Rapunzel – Prima del Sì” e in “Rapunzel – La Serie” (dal 20 ottobre ogni venerdì alle ore 20.10 su Disney Channel), ritroveremo i vecchi personaggi come Rapunzel, Eugene, Maximus, Pascal e i loschi frequentatori della Locanda del Brutto Anatroccolo, accompagnati dalla leale Cassandra e dai nuovi nemici che mineranno la felicità della giovane principessa.
Caldamente consigliato a un pubblico giovanissimo o a chiunque ami lasciarsi travolgere dalla spontanea euforia della dolce Rapunzel.

Nerdandometro:
(3,4 / 5)

Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi e il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post e articoli quotidianamente, con uno stile simile a una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci ha fatto costituire un’associazione culturale e ci spinge a essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente, il nostro gruppo Facebook e il nostro account Twitch.

La redazione

Luigi
Claudia
Francesco
Stefano
Julian
Maurizio
Giandomenico
Maria Valeria
Giacomo
Danilo
Francesco
Paolo
Giulia
Serena
Francesca
Daniela
Paolo

© Copyright 2014-2018 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com | Tel. 3518450064

To Top