Final Fantasy XII: The Zodiac Age - (Ri)scoperte positive - Nerdando.com
Videogames

Final Fantasy XII: The Zodiac Age – (Ri)scoperte positive

Final Fantasy XII

A distanza di 11 anni, Final Fantasy XII torna sulle console Sony con una nuova edizione denominata The Zodiac Age.

Come chi mi conosce sa bene, adoro le riproposizioni di giochi “vecchi” poiché permettono ai più giovani di provare titoli datati ma confezionati in maniera più moderna e, soprattutto, perché consentono a noi giocatori anziani di riprovare emozioni ormai passate.

Recensione

La trama di Final Fantasy XII ricorda lontanamente un House of Cards in salsa Fantasy.

Il setting è il mondo di Ivalice, già visto in Final Fantasy Tactics; Rabanastre è la capitale del grande regno di Dalmasca dove assistiamo al matrimonio tra la principessa Ashe ed il principe di Nabradia Rasler. Improvvisamente, l’impero di Archadia decide di invadere Dalmasca e, nel corso di questa azione bellica, il re e il principe restano uccisi, mentre della principessa non si hanno notizie.

A questo punto, dopo l’introduzione, c’è un salto in avanti di due anni e prendo finalmente il possesso del protagonista del gioco (Vann) che, orfano ed in una situazione di estrema povertà come tutti gli abitanti di Rabanastre, si trova a vivere di espedienti. La sua speranza è quella di riuscire ad avere un’aeronave tutta propria per poter affrontare delle avventure insieme a Penelo, la sua amica di sempre.

Non proseguirò ulteriormente con la storia per evitare dolorosi spoiler.

Zodiac Job System

Gameplay

Devo confessarvi un segreto: ho giocato con passione Final Fantasy VII e VIII ma odiavo con tutto me stesso gli incontri casuali. Mi snervavano, mi sentivo frustrato e non capivo il loro scopo, se non quello di farmare punti esperienza per passare di livello, ma ho sempre preferito effettuare tale operazione consapevolmente e non tramite un’imposizione.
Per fortuna, in Final Fantasy XII: The Zodiac Age non c’è questo genere di avvenimenti poiché è presente un sistema che, nel 2006, era davvero innovativo, ovvero l’Active Dimension Battle (ADB) system che è una sorta di controllo in “tempo reale” della situazione. Ho messo le virgolette perché è ancora possibile mettere in pausa la battaglia, ma questa opzione risulta essere meno importante grazie al sistema Gambit. Cos’è? È un sistema che permette di programmare alcune azioni per i personaggi del party, cosicché possano – ad esempio – curarsi quando i punti ferita scendono sotto una determinata percentuale oppure attaccare sempre i nemici più vicini, rendendo possibile studiare strategie interessanti da utilizzare negli scontri.

Occorre, a questo punto, spendere qualche riga per lodare lo Zodiac Job System, già compreso nelle edizioni orientali di gioco e finalmente accessibile anche a noi europei. Questo sistema è una manna (no, Giando non c’entra nulla) per chi, come me, è un maniaco del controllo e della personalizzazione: i personaggi hanno a disposizione 12 classi differenti ed ognuna ha, a sua volta, una scacchiera di opzioni che permetterà di utilizzare incantesimi, armi e armature specifici per customizzare al meglio ogni membro del party, andando a creare affascinanti sinergie per affrontare i combattimenti in modo ottimale. Ripeto, davvero tantissima roba, ho speso davvero tanto tempo nella caratterizzazione di ogni combattente.

Altre aggiunte

Ma Final Fantasy XII: The Zodiac Age non è solo questo ed ha anche altre interessanti novità che rendono il titolo più moderno ed accessibile anche ai più giovani.

La modalità Sfida, paragonabile all’Orda già vista in altri giochi, ci mette alla prova facendoci affrontare la bellezza di 100 livelli, consentendoci di accumulare oggetti e tesori da poter utilizzare anche nella modalità storia.

L’importantissimo Speed Mode per correre due o quattro volte più rapidamente del normale, attivabile con la pressione del tasto L1 (sì, ovviamente ho giocato su Playstation 4 essendo un’esclusiva di questa console) che, per un runner come me, è fondamentale per poter affrontare delle rapide sessioni precena e per evitare un repentino divorzio da Clack che mi aspetta seduta con la tavola imbandita.

Un’altra opzione utilissima è fornita dal tasto L3 che farà apparire a schermo la mappa, evitandomi di perdere tempo mettendo in pausa e poi andando a navigare nel comprensibilissimo menù.

Infine ci sono un’altra marea di interessanti feature come degli aggiornamenti sulla grafica, la nuova colonna sonora registrata da una vera orchestra completa e così via: piccoli accorgimenti che rendono Final Fantasy XII: The Zodiac Age più godibile.

Comparto tecnico

Non sono un amante della grafica pompata a tutti i costi, per cui ritengo più che sufficiente il lavoro di Square Enix che mi ha permesso di vivere di un’esperienza di gioco fresca e moderna: ho pensato più volte di trovarmi di fronte ad un titolo nuovo, senza ricordarmi degli undici anni compiuti da Final Fantasy XII.

Come specificato nel capitolo precedente, c’è una colonna sonora nuova ma, tramite le opzioni, sarà possibile selezionare quella originale; la mia scelta è ricaduta sulla moderna soundtrack ma devo ammettere che anche la vecchia ha il suo fascino.

La localizzazione italiana è riscontrabile nei menù e nei sottotitoli e qui devo portarvi a conoscenza di un’ennesima chicca: dal menù è selezionabile sia il parlato in inglese che quello in giapponese per rendere l’esperienza ancora più unica, immersiva ed epica.

In conclusione

Alla luce di tutti questi elementi, Final Fantasy XII: The Zodiac Age risulta essere, dopo undici anni, un titolo ancora innovativo e giocabile. Non riesco ancora a capire come mai sia stato poco apprezzato alla sua uscita, ma per fortuna Square Enix ci ha permesso di dargli un’altra opportunità, confezionando un prodotto che non sfigura affatto su Playstation 4 grazie ad un lavoro di svecchiamento realizzato bene.

Se al comparto tecnico affianchiamo anche l’ottima lunga storia intricata ed immersiva e, soprattutto, la combo Zodiac Job System – Gambit System per una personalizzazione totale del party e del comportamento dei personaggi in combattimento, ci rendiamo conto che non avremmo potuto chiedere di meglio.

Pollice in su per questa remastered!

Nerdando in breve

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è un gioiello da inserire nella propria collezione.

Nerdandometro:
(4 / 5)

Prezzo

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è disponibile al prezzo consigliato di 49,99 €.

Trailer

Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi e il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post e articoli quotidianamente, con uno stile simile a una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci ha fatto costituire un’associazione culturale e ci spinge a essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente, il nostro gruppo Facebook e il nostro account Twitch.

La redazione

Luigi
Claudia
Francesco
Stefano
Julian
Maurizio
Giandomenico
Maria Valeria
Giacomo
Danilo
Francesco
Paolo
Giulia
Serena
Francesca
Daniela
Paolo

© Copyright 2014-2018 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com | Tel. 3518450064

To Top