Discesa all'inferno - Viaggio nell'animo umano - Nerdando.com
Fumetti & Libri

Discesa all’inferno – Viaggio nell’animo umano

Recensione

Dopo spionaggio e guerra, la fase AfterShock della carriera di Garth Ennis prosegue con una serie horror, Discesa all’inferno, disegnata da Goran Sudžuka e pubblicata in Italia da SaldaPress, che ringraziamo per averci messo a disposizione i due volumi.

Ennis ovviamente non è nuovo a fumetti horror e paranormali, basti pensare alla sua run su Hellbrazer. Con Discesa all’inferno Ennis torna da quelle parti, aggiungendo una sfumatura di poliziesco.

Trama

Gli agenti FBI Shaw e McGregor vengono mandati a Long Beach a recuperare due agenti scomparsi in un magazzino. Il magazzino non sembra essere quello che sembra e conduce alla pazzia chi ci entra. Una volta entrati, i due agenti non troveranno una facile via d’uscita e dovranno confrontarsi con i propri demoni legati ad un caso recente di pedofilia.

La storia non si sviluppa in maniera lineare, ma attraverso numerosi flashback mentre si segue il viaggio infernale di Shaw e McGregor. Piano piano la verità viene rivelata ma non esplicitata. I due agenti parlano della loro condizione e vediamo la storia dipanarsi in vari momenti diversi. Sappiamo come andrà, ma non sappiamo come. Ennis gioca con l’incertezza, sia per tenere alta l’attenzione di noi lettori, sia per creare suspence e un disagio sempre crescente.

Raccontare l’oscurità

Disagio è in effetti la parola che meglio descrive le mie sensazioni mentre leggevo questo fumetto. Il magazzino nel quale entrano Shaw e McGregor, quello che vedono, la storia del pedofilo assassino. Tutti elementi che accrescevano il mio disagio. Forse perché la realtà faceva capolino, nei commenti degli agenti, ma anche al pensiero che potrebbe essere tutto vero.

Ennis si aggancia ad un tipo di orrore direi quasi lovecraftiano. Non ci sono i mostri primordiali di HP Lovecraft, ma scendiamo lentamente nell’abisso dell’animo umano e dei suoi orrori, proprio come nei racconti dello scrittore di Providence. Gli elementi fantastici ci sono, ma potrebbero non esserci alla fin fine. È questa forse la cosa più terrificante. Inoltre Ennis lascia tanto di non detto, sfuocando così alcuni elementi della storia, lasciando al lettore il compito di riempire i vuoti.

A spezzare la tensione a mio parere contribuiscono gli inserimenti all’attualità. Si parla di Obama, di Trump, delle presidenziali del 2016, del #MeToo. Li ho trovati un po’ gratuiti, non per quello che dicono (anche perché tutto sommato sono d’accordo quasi sempre), ma perché a mio parere spezzano l’illusione narrativa: si legge chiaramente la voce di Ennis più che dei personaggi. La storia funziona meglio quando resta focalizzata sui personaggi.

Sudžuka ai disegni ha uno stile pulito e asettico, che aumenta l’atmosfera di disagio di cui ho parlato prima. Non ci sono costruzioni di tavola ardite, né Sudžuka ha uno stile bombastico che buca la pagina. I disegni sono però realistici e le tavole sono sempre costruite con precisione. La violenza verbale ma sopratutto grafica viene mostrata senza remore, d’altronde è pur sempre di Ennis che stiamo parlando. In questo modo il racconto acquista forza e la parte grafica contribuisce pesantemente nel rendere Discesa all’inferno un fumetto teso.

Concludendo

Discesa all’inferno rappresenta un lento viaggio verso il cuore nero dell’uomo, che Ennis riesce a rendere sempre più opprimente per il lettore. L’orrore è insito dentro le persone, ci dice Ennis e con Discesa all’inferno riesce nell’impresa di farcelo vedere.

Edizione

Discesa all’inferno è uscito in due volumi cartonati per SaldaPress al prezzo di 19,90€ per volume.

Nerdando in breve

Un viaggio oscuro e senza speranze all’interno dell’animo umano, Discesa all’inferno punta in alto e riesce a colpire nel segno.

Nerdandometro
3.2 out of 5 stars (3,2 / 5)

Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi e il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post e articoli quotidianamente, con uno stile simile a una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci ha fatto costituire un’associazione culturale e ci spinge a essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente, il nostro gruppo Facebook e il nostro account Twitch.

La redazione

© Copyright 2014-2020 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top