Last Day of June - Un’avventura grafica dolce e malinconica - Nerdando.com
Videogames

Last Day of June – Un’avventura grafica dolce e malinconica

Last Day of June

Immaginate di vivere la vostra esistenza felice in una bucolica realtà dove trascorrete i giorni con la vostra dolce metà. Immaginate che un giorno tutto questo finisca di colpo e che un incidente d’auto tanto casuale quanto evitabile vi porti via tutto quello che c’era di bello in quell’esistenza. Cosa fareste pur di evitare che questo incubo si realizzi?

Questa è la domanda che si pone Last Day of June, la nuova avventura grafica sviluppata dalla casa italiana Ovosonico e distribuita su Steam e Playstation 4 da 505 Games.

Recensione

Last Day of June ci racconta la storia di Carl, ritrovatosi paraplegico e solo, dopo un incidente che gli ha portato via l’uso delle gambe e sua moglie June. La perdita dell’amata sembra aver afflitto Carl a tal punto da far sì che non sia rimasto nulla dell’uomo che era prima, almeno finché non scopre che i quadri dipinti da June hanno la possibilità di riportarlo al fatidico giorno dell’incidente, assumendo la prospettiva degli altri abitanti del vicinato, che in un modo o in un altro hanno contribuito al tragico evento.

Gameplay

Il gameplay si sviluppa proprio su quest’idea: si balza di quadro in quadro e di personaggio in personaggio cercando di creare una versione alternativa della realtà, così che non accada quanto eventualmente porta allo schianto.

Per portare a termine il nostro piano dobbiamo risolvere dei piccoli enigmi e far “collaborare” i personaggi, tenendo conto del fatto che i cambiamenti all’ambiente apportati con uno di essi si mantengono anche quando vestiamo i panni di un altro.

Tuttavia, come dice Jake Epping in 22.11.63 “il passato è inflessibile e non vuole essere cambiato”, così che richiederà numerosi tentativi a Carl (ed al giocatore con lui) per arrivare ad un finale forse inatteso.
Sebbene mi piaccia molto il concetto dell’intreccio intertemporale e trovi che qui sia portato avanti più che decentemente, c’è però da dire che gli enigmi da risolvere sono abbastanza semplici persino per me e sono anche pochi, tant’è che il gioco si finisce senza problemi in meno di cinque ore. Inoltre, con una storia così corta, non sono riuscito a legarmi ai personaggi ed alle loro vicende, riducendo di conseguenza l’impatto emotivo ed il lascito del titolo stesso.

Musica

Un elemento che mi ha attirato verso Last Day of June è che il compositore delle musiche fosse Steven Wilson, ex cantante dei Porcupine Tree e produttore di alcuni dei miei album preferiti (degli Opeth).

Da questo punto di vista non sono affatto deluso dal suo lavoro su questo titolo e trovo che il suo stile si sposi molto bene con l’atmosfera del gioco.

last day of june

Grafica

Un aspetto che è sicuramente particolare ed in cui a mio parere si vede l’influenza di Wilson è l’artwork: abbiamo infatti dei personaggi che hanno proporzioni sballate, con piedini e manine e teste enormi dove al posto degli occhi vi sono solo incavi rosa, in uno stile che ricorda molto i video di Wilson stesso e Akerfeldt e che ispira tanta tenerezza quanta inquietudine.

Tuttavia, non posso fare a meno di pensare come l’effetto sarebbe stato molto più riuscito se invece di utilizzare una grafica 3d a basso numero di poligoni si fosse optato per dei disegni ed un prodotto in 2d: il gameplay non ne avrebbe risentito affatto e si sarebbero evitati alcuni problemi che ho riscontrato, con il gioco che risulta essere estremamente pesante per la ram e che talvolta ha dei crash grafici.

Conclusioni

In generale, trovo che Last Day of June sia un prodotto valido, ma più come esperimento: l’idea non è male e la trama appassiona, ma ciò non elimina la sensazione di avere un prodotto che si esaurisce in fretta.

Nerdando in breve

Last Day of June è un’avventura grafica in cui aiutiamo Carl a cambiare il passato per salvare la sua defunta moglie June da un incidente; sebbene l’idea sia interessante e la realizzazione accettabile, la durata del gioco è troppo breve per potermi far immergere a pieno nella storia.

Acquista su Amazon.it

Trailer

Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi e il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post e articoli quotidianamente, con uno stile simile a una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci ha fatto costituire un’associazione culturale e ci spinge a essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente, il nostro gruppo Facebook e il nostro account Twitch.

La redazione

© Copyright 2014-2018 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top
Connect!