King Arthur - Il potere della spada: Camelot in salsa rock - Nerdando.com
Film & Serie TV

King Arthur – Il potere della spada: Camelot in salsa rock

Il mito di Re Artù è uno dei più fortunati e longevi che la letteratura abbia creato e al cinema ha visto le più disparate interpretazioni: non poteva mancare, quindi, quella di Guy Ritchie, che con King Arthur – Il potere della spada porta la sua personalissima impronta nel mondo dei cavalieri della tavola rotonda.

Trama

Il regno di Camelot è governato dal re Uther Pendragon, coadiuvato dai suoi cavalieri e dal fratello Vortigern. Quando incombe la terribile minaccia del potente mago Mordred, il re riesce a ristabilire la pace grazie al potere della spada Excalibur, sconfiggendo il nemico. Vortigern, però, brama il potere per sé e cospira alle spalle di Uther: la congiura va a buon fine e a salvarsi è solamente il piccolo Arthur, erede al trono, che viene messo in salvo su una barca da Uther.

Gli anni passano, Vortigern è a capo del regno e Arthur cresce nel ghetto di Londra, ignaro del proprio nobile lignaggio e dimentico delle vicende della sua infanzia. Quando il potere di Vortigern sta per raggiungere il suo apice, però, Excalibur torna a manifestarsi, conficcata in una roccia: solo il legittimo erede al trono sarà in grado di estrarla e controllarne l’immenso potere…

Recensione

Avete visto The Snatch? Ecco, se lo avete guardato, immaginate quei personaggi e quello stile calato nel medioevo e avrete un’idea di cosa vi aspetta andando a vedere King Arthur – Il potere della spada.

Guy Ritchie ha un suo stile ben connotato, che può piacere o non piacere (io personalmente lo adoro) ma è innegabilmente unico, e che riesce a calare perfettamente in un contesto storico-fantasy, come accade in questo film.

Dimenticatevi, quindi, i cavalieri dalle armature scintillanti cui siete abituati e anche la versione romanica di Artù portata sul grande schermo da Antoine Fuqua nel 2004 (con il dimenticabilissimo King Arthur): qui siamo nel ghetto di Londra e gli eroi sono sporchi, spiritosi e un po’ gangster. I protagonisti riescono a fondere eroismo e nobiltà ad una parlantina sciolta e il risultato è più moderno di quanto ci si potesse aspettare.

Il risultato è un film dalla connotazione fortemente fantasy, che ricorda da vicino Il Signore degli Anelli  ed in cui la magia ha un ruolo preponderante, e piuttosto rock, con costumi dal sapore moderno (accadeva già ne Il destino di un cavaliere, d’altra parte) e ritmi spezzati, tipici del cinema di Ritchie.

Il regista gioca con lo spazio-tempo, dilatando i momenti infinitesimali e accelerando i tempi morti e il risultato è visivamente spettacolare e divertente e godibile. Dopo aver rifondato con successo il mito di Sherlock Holmes, quindi, Guy Ritchie personalizza un altro classico e apre la strada per una possibile saga.

Valore aggiunto alla pellicola è la prova del cast, che vede attori tutti in parte e convincenti, con una menzione speciale per Jude Law, inaspettato e perfetto antagonista. Come di consueto nelle pellicole di Ritchie, potrete notare anche gustosi camei, che naturalmente non vi anticipo.

King Arthur – Il potere della spada non è un capolavoro (in alcuni momenti i passaggi della storia sono un po’ confusi e forzati) ma diverte e intrattiene, con sequenze adrenaliniche che valgono da sole il prezzo del biglietto: io ve lo consiglio se amate lo stile di Guy Ritchie, se volete passare un paio d’ore di intrattenimento o se volete uno sguardo inedito sul mito di Re Artù.

Nerdando in breve

King Arthur – Il potere della spada ripropone il mito di Artù nello stile tipico di Guy Ritchie: ritmi veloci, dialoghi gangster e tanta tanta magia.

Trailer



Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top