Little Nightmares - Benvenuti tra le Fauci - Nerdando.com
Indie

Little Nightmares – Benvenuti tra le Fauci

Little Nightmares

Avete presente quei giochi rilassanti che si comprano per riempire serate tranquille all’insegna del romanticismo e della poetica? Bene: scordatevele e preparatevi a vivere un incubo inquieto e tenebroso con punte di malinconia e tanta, tantissima difficoltà a dormire sonni sereni. Benvenuti tra le Fauci.

Recensione

Little Nightmares è ambientato all’interno delle Fauci, un resort di lusso sottomarino, ove chi può permetterselo (e ha lo stomaco per farlo) può dare libero sfogo ai propri vizi più immondi, soprattutto quelli di gola. In questo posto di orrori senza fine, un giorno, la nostra giovane protagonista Six decide di averne abbastanza e di tentare una improbabile e rocambolesca fuga.
A tentare di bloccarla non solo centinaia di enigmi ambientali da superare, ma anche i terribili gestori delle Fauci: creature enormi non più umane, rese grottesche e disturbanti dalla perversione in cui vivono.

In questo ambiente cupo e soffocante la piccola protagonista, Six, piedi nudi e impermeabile giallo, farà il possibile per scappare dal destino crudele cui gli orribili cuochi del resort vogliono destinarla. Per guadagnare la libertà, quindi, dovrà attraversare decine di ambiente sempre più pericolosi, assistere a scene raccapriccianti e fare la conoscenza di piccole creature spaventate con la testa a forma di cono.

Gameplay

Parlare del gameplay di Little Nightmares è cosa davvero semplice: è sufficiente suggerirvi di pensare a Limbo, Inside o anche al recente Unravel per avere una chiara idea di cosa vi aspetta. Scorrimento orizzontale con ben poche deviazioni dal percorso principale (in genere per recuperare collezionabili) e con un’ottima verticalità data da elementi architettonici su cui arrampicarsi, ascensori, scivoli e così via.

Esattamente come per i titoli citati, anche qui abbiamo un sistema “a stanze”, che non danno la possibilità di tornare indietro una volta superati gli enigmi della sezione. Enigmi che, bisogna ammetterlo, sono lungi dall’essere particolarmente impegnativi. Con la sola eccezione di un paio di punti in cui non mi era chiarissimo cosa fare, sono riuscito a superare molte delle situazioni al primo o al massimo al secondo tentativo.
È però giusto rimarcare che di tentativi, durante le vostre partite, ce ne saranno eccome. La componente trial & error è fortissima (forse troppo) e la povera Six morirà tante di quelle volte da farvi tornare in mente la serie Dark Souls.

Little Nightmares

Comparto tecnico

In un titolo che apparentemente non fa che richiamare altri giochi del genere, dove si nasconde il punto di forza? Perché dovreste correre a comprarlo? Perché Little Nightmares è un gioiello visivo che sembra uscito dalla mente di Neil Gaiman o dal genio di Tim Burton: i fondali, i personaggi, le animazioni, i materiali… tutto è semplicemente stupendo, realizzato alla perfezione e capace di regalare un livello di immersività come raramente ne ho trovati altrove. La dinamica delle luci, poi, è gestita in modo incredibile. Six si muove in ambienti cupi e claustrofobici aiutandosi con la tenue fiammella di un accendino, illuminando certo una piccola porzione in più, ma proiettando nuove e più inquietanti ombre tutto intorno a lei.
Anche l’audio è semplicemente sopraffino: Little Nightmares è un gioco da godersi al buio, con le cuffie nelle orecchie e nessun rumore che distragga dal fluire della storia.

Il titolo si completa in un lasso di tempo che va dalle tre alle sei ore, se ci si getta a caccia di tutti i collezionabili. Apparentemente una durata piuttosto limitata, ma questo gioco è da vivere tutto d’un fiato, come un film senza interruzioni in cui immergersi dalla prima all’ultima scena.

Volendo cercare dei difetto nell’ottimo lavoro fatto dai ragazzi di Tarsier Studios, possiamo trovare un po’ di imprecisione nei comandi: mi è capitato di precipitare da alcune passerelle cercando di andare semplicemente dritto, questo perché il 2D e mezzo di Little Nightmares può talvolta lasciare un po’ perplessi e negli spazi stretti capita di sbagliare i calcoli di un salto o di una manovra, soprattutto quando si scappa dalle creature.

Una delle cose che ho apprezzato di più consiste nella risoluzione degli enigmi. Abbiamo detto che le dinamiche sono già viste in molti altri eccellenti titoli: leve da girare, percorsi da studiare, corse a perdifiato, occhi malefici da cui nascondersi. Tuttavia in Little Nightmares c’è qualcosa che non avevo mai trovato altrove: la possibilità di superare molti degli ostacoli in differenti modi. Senza scendere troppo in dettagli, ho semplicemente adorato la scena della biblioteca, in cui è possibile avvalersi di diversi percorsi per trovare la chiave e per evitare la creatura che ci cerca. Poter affrontare in modi molteplici le situazioni, plasmandole a proprio gusto, dà la sensazione di essere davvero parte integrante della storia e di dare il proprio personale contributo alla soluzione dell’enigma.

Considerazioni finali

Little Nightmares è un gioco emozionale e penetrante, ricco di temi e immagini al limite del disturbante su cui mi sono sorpreso più volte a decidere di non interrogarmi eccessivamente. Da dove arriva la carne di quella salsiccia che uso come liana per salvare Six? Meglio non saperlo.

Abbiamo parlato delle creature malvagie del gioco: in primis il Custode, cieco ma dall’udito sopraffino, che scruta gli ambienti ripugnanti delle Fauci con le sue braccia sproporzionatamente lunghe, e le sue gambette minuscole. Una vista immonda, quasi “sbagliata”, la cui sola presenza sullo schermo fa salire l’ansia.

Alcuni temi sono talmente fastidiosi ed immondi da urtare i nervi come fossero scoperti, mettendo a nudo l’innocenza dell’infanzia contro la perversione dell’età adulta e continuando a proporre al giocatore, come un disco rotto, l’eterno dilemma: cosa saresti disposto a fare per sopravvivere? Cosa è disposta a fare Six per sfuggire all’orribile destino che la attende nelle Fauci?

Little Nightmares è disponibile per PC, Xbox One e PlayStation 4 al prezzo di 19,99 Euro.

Nerdando in breve

Little Nightmares è il puzzle game distribuito da Bandai Namco capace di regalare sogni inquieti a chiunque osi affrontarlo.

Unboxing Six Edition

Trailer



Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top