Rush & Bash: Monster Chase - Rivoluzione cooperativa! - Nerdando.com
Giochi da tavolo

Rush & Bash: Monster Chase – Rivoluzione cooperativa!

Rush & Bash: Monster Chase

Se, alla prima partita di Rush & Bash, un veggente del regno di Baruffus mi avesse anticipato un enorme successo per questo gioco, non avrei avuto problemi a credergli, era già scritto. La semplicità e la caratterizzazione ben fatta garantivano (e garantiscono tuttora!) del sano divertimento per chiunque.

Se mi avesse predetto, invece, che sarebbe bastata una piccola scatola per rendere un semplice gioco di corse, con un sistema consolidato e ampliato già da una prima espansione, in un cooperativo dannatamente impegnativo e strategico, con dinamiche e logica completamente diverse, seppur mantenendo le meccaniche originali pressoché invariate, beh… non fatemene una colpa, ma non mi sarebbe sembrato molto facile.

E invece, Erik Burigo e Red Glove ci sono riusciti. Il camion demoniaco e i suoi compari hanno rivoluzionato il gioco, e, se sentite richiami ed ispirazioni a Duel, il film di Steven Spielberg del 1971, tranquilli, non vi state sbagliando.

Con Rush & Bash: Monster Chase, quel caciarone, divertente e colorato gioco di macchinine diventa un’impegnativa corsa contro il tempo (e molte altre cose), trasformandosi in qualcosa di davvero particolare.

Recensione

La scatola base della linea Rush & Bash ha portato migliaia di persone sulle piste di Baruffus, con corse pazze in odor di Mario Kart. L’espansione Winter is Now ha poi ampliato il sistema di gioco, arrivando ad un livello di complessità e rigiocabilità davvero alto. È però con Rush & Bash: Monster Chase che le carte in tavola cambiano, creando un’esperienza di gioco dalla quale Nintendo stessa dovrebbe prendere ispirazione. I piloti adesso non devono più correre veloci come il vento tentando di superare il traguardo per primi, ma allearsi e sconfiggere un temibile mostro su ruote nell’arco di un singolo giro di pista.

Il mostro, anzi, i mostri sono bot a tutti gli effetti, che partecipano alla corsa come se fossero corridori normali, dal movimento al subire (e infliggere!) danni. Peccato però che poi tanto normali non siano, a partire dall’enorme ammontare di punti vita, passando poi a poteri speciali, un “indicatore dell’umore” e molte altre caratteristiche. Il nuovo scopo del gioco è distruggere il mostro di turno prima che tagli il traguardo. Se lo fa, abbiamo perso.

La strategia di gioco cambia totalmente: andare veloci non è saggio e dovremo stare molto attenti a ogni nostra mossa, coordinando i nostri movimenti e azioni a quelli dei compagni di squadra. Il livello della sfida si alza! Posso tranquillamente dire che Monster Chase si propone come una “total conversion” di Rush & Bash.

Meccaniche

La struttura del gameplay di base resta la stessa: si gioca una carta, se ne risolve l’effetto e il movimento, si pesca di nuovo. A fine round si aggiorna la classifica in base alle posizioni di mostro e giocatori. Il sistema di cuori e stelle resta invariato (anche se i piloti adesso hanno nuove schede, con un potere da tre stelle adattato alla lotta contro il boss) così come quello di ostacoli, razzi e quant’altro.

La modifica più lampante fatta da Rush & Bash: Monster Chase è sicuramente l’utilizzo delle carte Assalto e Aura. Le prime sono carte con un doppio effetto riferito al mostro: alla fine del round verrà utilizzato l’effetto del colore corrispondente alla carta pescata dal malvagio bot, attivando un effetto aggiuntivo che tenderà a rendere complicata la vita ai giocatori. Le carte Aura, invece, sono carte con due effetti: uno di essi avvantaggia i piloti umani, che potranno cercare di mettere in gioco quell’effetto ad ogni round; l’altro viene attivato di default e tende invece ad aiutare il mostro.

Come attivare queste carte Aura? È possibile grazie ad un meccanismo con una doppia natura: quello delle Prede. Le Prede non sono altro che spiritelli che vengono piazzati nel tassello di mappa successivo a quello in cui si entra, un po’ come viene fatto con il piazzamento dei massi. I segnalini Preda vengono piazzati coperti, in numero pari a quello dei giocatori. Quando una macchinina entra nella zona contenente questi segnalini, se ne scoprono 2 se è un giocatore a entrarvi, o tutti se è il mostro a farlo. Ogni Preda scoperta ha un effetto positivo per il mostro, che può rigenerare i propri punti vita, o per i piloti che possono scartare la carta Assalto o, appunto, aggiungere ben 2 carte Aura al gioco. Inoltre, scoprendo le prede, nessuno potrà più utilizzarne gli effetti entrando in quel tassello, impedendo al boss di curarsi o ai giocatori di avvantaggiarsi.

Si rende quindi importante stare sempre avanti rispetto al mostro per soffiargli da sotto i baffi i punti vita e per evitare al tempo stesso che ci impedisca di ottenere preziosi bonus. Non sarà semplice, perché andare troppo avanti rispetto al bot avversario rischia di renderci inefficaci e perdere inevitabilmente la partita.

Cosa rende davvero particolare Rush & Bash: Monster Chase però è il protagonista vero e proprio di questa espansione, anzi i protagonisti! Nella scatola troverete ben quattro veicoli diversi, posseduti da un mostro feroce: camion, fuoristrada, treno e moto. Ognuno di essi ha delle abilità particolari che rispecchiano il tipo di mezzo (ad esempio, il treno può distruggere gli ostacoli semplicemente attraversandoli, ma non può utilizzare sterzate). La scheda dei mostri è parecchio diversa da quella dei piloti: come vi ho appena accennato, hanno una o più abilità sempre attive, oltre ad un numero di punti vita che cambia con il numero di giocatori. In quattro, ad esempio, il mostro inizierà con 12 punti vita. Oltre a queste caratteristiche, il boss può cambiare umore. Sì, esatto: quando il mostro subirà due o più danni in un solo turno, diventerà furioso, mentre se recupererà almeno un punto vita tornerà relativamente calmo. A seconda dello stato d’animo, ci sarà un secondo set di abilità che diventerà più aggressivo dopo aver subito degli attacchi, naturalmente.

In aggiunta a queste modifiche al gioco base, arriva anche la meccanica degli scudi, ovvero dei segnalini che permettono di assorbire i danni senza perdere punti vita, utilizzabili sia dal mostro che dai giocatori. Il Power Up di Winter is Now, se utilizzato durante una partita di Monster Chase permette proprio di ottenere uno scudo. Oltre che con il Power Up, gli scudi si possono ottenere anche in altri modi, ad esempio effettuando la Manovra Avanzata introdotta anch’essa in Winter is Now. Gli scudi inoltre possono essere usati anche per infliggere danni aggiuntivi se usati insieme ad un azione che danneggia una macchina.

È già chiaro come il mostro si dimostri un temibile avversario, che dovrà essere schiacciato a colpi di missili, bombe e chi più ne ha più ne metta. In Rush & Bash: Monster Chase, però, non si può giocare da soli, la collaborazione è fondamentale. Per fortuna, non abbiamo solo la coordinazione fra giocatori ad aiutarci, ma viene introdotto anche un sistema di condivisione delle carte chiamato “Connessione Spirituale“. Per connettersi, due macchine dovranno trovarsi ad un numero di caselle pari a 6 meno la somma dei livelli stella sulle schede di entrambe. Quindi, minore sarà il livello dell’indicatore della stella, maggiore sarà la distanza a cui ci potremo connettere. La connessione è estendibile, ovvero, le macchine possono fare da “ponte radio” per collegare piloti lontani fra loro. Una volta connessi, i giocatori potranno condividere le proprie carte in tre modi differenti: al vostro turno potrete donare l’effetto della carta giocata su una macchina a voi connessa, e utilizzare sulla propria automobilina il movimento; oppure potrete condividere parte del movimento con una macchina connessa e utilizzare il rimanente su di voi, insieme all’effetto. Infine è possibile, nel turno di un altro giocatore, offrirgli sotto sua richiesta una carta, che potrà utilizzare nella sua interezza spostandosi senza considerare gli ostacoli, teletrasportandosi di fatto in una casella entro la distanza indicata dalla carta.

Le nuove regole sono parecchie, ma le 20 pagine del regolamento coprono esaustivamente ogni dubbio e soprattutto integrano perfettamente i contenuti del gioco base e dell’espansione precedente. Non si tratta di una semplice fusione delle regole, con dei “raccordi” fatti giusto per evitare bug, ma è un adattamento ben congegnato che permette di trasformare totalmente un gioco competitivo e veloce in un cooperativo che richiede di pensare due volte, se non di più, a ogni mossa.

Componenti

Nella scatola di Rush & Bash: Monster Chase troveremo diversi segnalini, le schede per tutti e 8 i personaggi dell’universo di Rush & Bash (6 dalla scatola base, 2 da Winter is Now), i quattro stand-up dei mostri e le relative schede e tutto il necessario per adattare le nuove meccaniche al gioco. Inoltre, troviamo anche due nuove tessere pista, con due diverse facce ciascuna, per un totale di quattro nuovi pezzi di strada, che potremo utilizzare sia nelle nostre partite classiche, sia nelle partite di Monster Chase. Niente nuove auto o nuovi contenuti stand-alone, se escludiamo gli scudi che però potrebbero risultare forse eccessivamente forti se utilizzati durante le corse competitive.

Ad impreziosire il tutto, torna ovviamente Guido Favaro, che con le sue illustrazioni tiene coesa l’estetica del gioco e dona ai cattivissimi veicoli demoniaci un feeling da hot-rod tamarrissimo. Meravigliosamente fuori luogo nella folle giungla di Baruffus.

Conclusioni

Rush & Bash: Monster Chase è una piccola perla che stupisce. Rivoluziona il gioco base ed il concetto stesso di espansione per i boardgames, risultando quella che chiamerei più una “conversione”. Inoltre, partire con una quantità di contenuti come quella che offre il mondo di Rush & Bash al momento è una grande spinta alla rigiocabilità e alle possibilità strategiche, che diventano il fulcro di questo nuovo modo di giocare. Che diamine, potrebbe addirittura far innamorare qualche povero stolto che ancora non si era appassionato alle scanzonate, pazze corse di Red Glove, e che magari preferisce sfide più impegnative.

Se ne conoscete qualcuno, fategli sapere che è arrivato un nuovo sfidante in città e che non vede l’ora di fargli piangere lacrime amare, in quel giro di pista che sembrerà così corto e senza perdono.

Prezzo

Rush & Bash: Monster Chase è disponibile al prezzo di 19,99€


Nerdando in breve

Con Rush & Bash: Monster Chase preparatevi a rivedere il concetto di “gioco leggero” che avevate di Rush & Bash, perché con questa svolta cooperativa servirà parecchio impegno e gioco di squadra per sconfiggere il mostro e portare a casa la vittoria.

 



Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top