Non è un gioco per vecchi #27 - Intervista a Davide Luzi (Retrogaming Town) - Nerdando.com
Altre nerdate

Non è un gioco per vecchi #27 – Intervista a Davide Luzi (Retrogaming Town)

Ho avuto modo di scambiare due chiacchiere con Davide Luzi, amministratore di Retrogaming Town, uno dei gruppi Facebook più attivi nel mondo del retrogaming.

Luigi: Ciao Davide, benvenuto sulle nostre pagine: come te, anche noi siamo dei nostalgici ed amiamo questo fenomeno chiamato “Retrogaming”, ma vorrei partire dal principio. Chi è Davide?
Davide:
Ciao Luigi e ciao a tutta la compagnia di Nerdando.com. È un immenso piacere poter partecipare a “Non è un gioco per vecchi”, nome che ho trovato semplicemente geniale!!! In breve, Davide è un cuoco, principalmente, di 32 anni portati male che cerca di far convivere nel suo poco tempo libero tante passioni tra cui quella dei videogiochi, soprattutto quelli usciti prima dell’era a 128 bit!

L: Quando hai iniziato a videogiocare?
D:
Allora, i miei primi ricordi sono legati a 2 cabinati in particolare che avevo nel bar sotto casa del piccolo paesino marchigiano (Ostra, provincia di Ancona) in cui sono cresciuto, ovvero Raiden e Ghost’s and Goblin, ma tutto cambiò quando mio padre portò nella mia cameretta un Commodore 64 con datassette e una sacca piena di cassette dai nomi più disparati da Dig Dug a Tom e Jerry!!!

L: Cos’è per te il retrogaming?
D:
Per me il retrogaming è un mix di nostalgia (in primis) e piacere/immediatezza di gioco che, ahimé, ho notato andare ad affievolirsi man mano che crescevo e cambiavano le ere videoludiche, una manciata di titoli e console/home computer a cui sono rimasto legato da e per sempre.

L: Sei il gestore di uno dei gruppi Facebook più grandi d’Italia che tratta questo tema, Retrogaming Town: com’è confrontarsi giornalmente su questo argomento con altri appassionati?
D:
Accidenti… uno dei più grandi dici ? Non lo sapevo. Leggere quotidianamente decine e decine di post più disparati, avendo sempre qualcosa di nuovo da scoprire, qualcosa di nuovo da giocare, qualcosa di nuovo di cui parlare… semplicemente stimolante e gratificante all’ennesima potenza.

L: Quanto ti mancano le sala giochi?
D:
…mmh… Sale giochi… Intendi quei posti pieni di luci e sgabelli, con Juke box sempre acceso, puzza di sigaretta stagnante, il solito cabinato di Mortal Kombat 2 o NeoTurf Master con file chilometriche e quello dei G.I. Joe sempre libero, con biliardini e tavoli da biliardo, in cui ci si infilava quando si marinava la scuola o in cui hai fumato la prima sigaretta…? Terribilmente, mi mancano da morire…. Sigh… Sob…

L: Qual è la migliore console mai creata?
D:
La miglior console mai creata? Se ne potrebbe parlare all’infinito senza raggiungere un comune accordo, ma sicuramente per me il Game Boy ha segnato una tappa fondamentale nell’evoluzione dei videogiochi.

L: Preferisci la console da salotto o il cabinato?
D:
Al momento sono impossibilitato, ma a breve mi trasferisco e per quanto adori le console…. Il cabinato… È pur sempre un cabinato!!! Icona del videogioco!!

L: Quale casa offre la migliore selezione di titoli? (Nintendo, Sega, Atari….)
D:
Non credo ce ne sia una in particolare, ognuna ha le sue esclusive e icone, non potrei mai sceglierne solamente una.

L: Cosa manca ai titoli attuali per essere più godibili? Cosa spinge le persone verso il retrogaming?
D:
Credo sia una questione di gusti. Un gioco attuale non è mai completo al suo rilascio… Aggiornamenti, DLC, contenuti a pagamento e questa cosa non l’ho gradita, semplicemente. Se prendi ad esempio un Super Nintendo o un Pc Engine e ci infili dentro una cartuccia qualsiasi, compreso il tempo di attaccare il tutto e trovare il canale giusto sul tv, nel giro di 49 secondi stai gia giocando. Al momento il retrogaming è diventato un fenomeno di massa, con tutto ciò che ne comporta nel bene e nel male, ma appassionati e amanti ci sono sempre stati.

L: Quali console vengono considerate da retrogaming?
D:
Anche qui c’è un po’ di soggettività nel definire cosa è o non è retrogaming… Alcuni non vanno oltre le console a 16 bit, ovvero prima dell’entrata in vigore del poligono e della tridimensionalità, altri ritengono che nel momento in cui una console non è più in produzione diventa automaticamente retrogaming… Io personalmente mi fermo alla sesta generazione di console per definizione, ma è più una convenzione nostalgica che altro! È tutto relativo !!!

L: Cosa consigli alle persone che vogliono fare il loro ingresso nel retrogaming? Da dove possono iniziare?
D:
Consiglierei di iniziare dai propri ricordi, da quei titoli con cui abbiamo passato infinite nottate con gli amici o pomeriggi interi sul divano di casa col fratellino che tifava per te! E soprattutto, visto l’andazzo, direi di ponderare bene i propri acquisti e di informarsi da diverse fonti, dai forum ai gruppi di Facebook che sono a centinaia, vista l’alta concentrazione di speculazione che ha raggiunto il settore causa collezionismo e alta richiesta soprattutto di alcuni titoli e di iniziare con l’emulazione magari, grande risorsa infinita!!

L: I tuoi tre titoli preferiti?
D:
Wow… Mai pensato a soli 3 titoli… Comunque su due piedi: Akumajou Dracula X: Chi no Rondo, Power Stone 2 e Super Mario World… Ma potrei allungare la lista, difficile metterne solo 3.

L: Cosa pensi dei giochi indie che ultimamente stanno spopolando e strizzano l’occhio graficamente (e non solo) al retrogaming?
D:
Non seguo molto la scena indie, ne ho provati alcuni ma troppi pochi per farsene un’idea… Già sono tanti i titoli che mi sono sfuggiti in passato e che devo recuperare tra quelli rilasciati ufficialmente quindi proprio non posso darti la mia opinione a riguardo!!

L: Tv a tubo catodico o schermo piatto?
D:
CRT sopra ogni cosa!!!

L: Di recente il mercato del retrogaming ha visto un’impennata clamorosa, quali fattori hanno portato a questo boom?
D:
La facilità con cui si può comprare qualsiasi cosa, non solo videogiochi, seduti davanti al pc o in treno con uno smartphone ha fatto prolificare le piattaforme di vendita in maniera esponenziale, i social poi hanno fatto la loro parte, basti vedere quanti gruppi di mercatini esistono su Facebook, affiancati ai conosciutissimi Ebay, Amazon o Yahoo Auction.

L: Cosa ne pensi dell’impennata dei prezzi invece? Non trovi che ci sia troppa speculazione?
D:
Purtroppo è una conseguenza della tendenza. Personalmente ho desistito su molti titoli che avrei voluto prendere rifugiandomi nell’emulazione, ma spero che prima o poi il mercato si ristabilizzi… Chi ha iniziato per moda smetterà non appena passerà… O almeno lo spero!

L: Quali sono le iniziative/fiere/mostre da non perdere per gli appassionati?
D:
Ci sono tantissimi eventi sparsi per l’Italia, anche piccoli… Purtroppo il mio lavoro mi impedisce di partecipare a quasi tutti e posso concedermi solo il Games Week, con un ampio stand dedicato al retrogaming gestita dai ragazzi di Gamescollection.it e, a volte, il Lucca Comics & Games, ma che di retrogaming non ha poi chissà quanto se non i prezzi alle stelle dei soliti venditori impazziti.

L: Alcune domande secche ma doverose: Mortal Kombat o Street Fighter? Mario o Sonic? Nintendo o Sega?
D: Street Fighter
, Mario, Sega.

L: Ti ringrazio per la pazienza e ti saluto con la classica domanda: i tuoi progetti futuri?
D:
Di sicuro poter fare più video sul mio canale YouTube per condividere il più possibile il meraviglioso mondo che stiamo pian piano esplorando nei suoi meandri più oscuri… E magari un raduno dedicato, per poter incontrare i tanti utenti che quotidianamente scrivono su Retrogaming Town ma che la distanza frena leggermente: avere discussioni stando a quattr’occhi, seduti davanti ad una bella birra fresca come se fossimo al bar sarebbe tutta un’altra cosa ma spero di riuscirci presto… E altre belle cose che se vorrete scoprire dovrete seguirci!!!



Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top