La moglie del Nerd #18 - Riflessioni su Star Wars - Nerdando.com
La moglie del Nerd

La moglie del Nerd #18 – Riflessioni su Star Wars

Star Wars: Episodio VI direttamente dalla mia TV

Star Wars: Episodio VI direttamente dalla mia TV

Il mio primo incontro con l’universo di Star Wars è avvenuto tanto tempo fa in una galassia lontana lontana, ed è stato subito amore. Ero, infatti, ancora una bambina (non avrò avuto più di quattro anni) quando i miei genitori mi mostrarono i VHS contenenti l’allora unica trilogia di Guerre Stellari e me ne innamorai immediatamente e perdutamente.
Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti: in vent’anni le mie visioni della trilogia originale si sono moltiplicate, tanto da consumare letteralmente i VHS, si sono aggiunte edizioni speciali, albi a fumetti tratti dall’universo espanso e una nuova trilogia prequel, così criticata dai fan ma ormai parte insostituibile del canone ufficiale. Più di trent’anni dopo quel 21 ottobre 1977, quando Star Wars arrivò nei cinema trasformando definitivamente un genere e forgiando l’immaginario collettivo per gli anni a venire, J.J. Abrams e la Disney hanno scelto di raccogliere la difficile eredità di George Lucas e gettarsi nella rischiosa e delicata operazione revival. E ci hanno fornito un motivo per parlare di Star Wars anche in questa rubrica.

La saga di Star Wars, infatti, è (anche) una faccenda da donne, comprese le non appassionate di fantascienza. Se infatti non amate questo genere cinematografico, ed è stato questo il motivo che vi ha tenute distanti da Guerre Stellari finora, non avete da temere: contrariamente a quello che pensate, i sei film che compongono la saga sono anche per voi. Perché? Perché Star Wars è quanto di più lontano dalla fantascienza seriosa e macchinosa delle origini del genere cinematografico. Anzi, la prima pellicola, oggi conosciuta come Episodio IV, è stata proprio quella che ha rivoluzionato il genere, rendendolo alla portata di tutti. Lucas ha fuso l’avventura e il cappa e spada con lo spazio e le astronavi e il risultato è quanto di più avvincente esista. Non ci sono momenti morti, il pathos e il divertimento sono perfettamente bilanciati: non correte minimamente il rischio di annoiarvi.

Un’altra critica spesso mossa dal pubblico femminile a Star Wars è la presenza di pochissimi personaggi femminili, con conseguente poca possibilità, per le donne, di identificarsi nei protagonisti. Questo è senz’altro vero (sono solamente due in tutta l’esalogia), ma lo spessore di quelle figure farebbe impallidire altre protagoniste cinematografiche, al confronto. Le donne presenti in Star Wars, infatti, sono personaggi forti e indipendenti, che non hanno nulla da invidiare alla controparti maschili.
Pensiamo a Leila della trilogia originale: inizialmente ci viene mostrata come la classica principessa in pericolo, in attesa del suo salvatore. Bastano poche scene, però, a farci rendere conto che la diplomatica interpretata da Carrie Fisher è molto più di questo. Leila non è un semplice pretesto narrativo, ma protagonista a tutti gli effetti, tanto quanto i personaggi maschili: agisce e prende iniziative autonomamente, diventa, nel corso della trilogia, uno dei principali Generali delle Forze Ribelli ed è addirittura, pur incosapevolemente, un Jedi ella stessa.
Leila è sicura di sé e determinata: caratteristiche, queste, che probabilmente ha ereditato da sua madre, la Regina Amidala di Naboo, principale personaggio femminile della trilogia prequel.
Il personaggio interpretato da Natalie Portman, oltre ad essere uno dei pochi a salvarsi in quanto a credibilità e recitazione nei primi tre episodi della saga, è di fatto il vero motore della storia: è lei, infatti, il principale motivo dell’avvento di Darth Vader ma anche colei che da vita alla nuova speranza che salverà la galassia. Oltre a questo, si rivela fin dal primo film un personaggio di spessore, in grado di competere con il futuro Imperatore Galattico in quanto ad astuzia e di destreggiarsi perfettamente con un’arma in mano.

E se tutto questo non è bastato a convincervi, concludiamo con un ulteriore motivo per guardare la saga di Star Wars: il personaggio di Han Solo. Harrison Ford ha dato vita, nell’interpretarlo, ad uno dei protagonisti più carismatici del grande schermo, che ha fatto innamorare milioni di spettatrici sparse per il mondo. La sua storia d’amore con Leila non ha nulla da invidiare alle vicende cinematografiche più romantiche e il loro scambio di battute ne L’Impero colpisce ancora è entrato di diritto nell’Olimpo dei migliori dialoghi d’amore del grande schermo. Non conoscete la celebre frase? Allora correte a guardarvi i film!



Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | Telefono: 0871070222 | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top