Due chiacchiere con: Stefano Antonucci & Daniele Fabbri (V for Vangelo) - Nerdando.com
Altre nerdate

Due chiacchiere con: Stefano Antonucci & Daniele Fabbri (V for Vangelo)

Fabbri & Antonucci in posa plastica

Fabbri & Antonucci in posa plastica

Con V for Vangelo in uscita a breve, edito da Shockdom, la coppia formata da Stefano Antonucci e Daniele Fabbri tornerà in fumetteria, pronta a stupirci nuovamente con l’ultimo lavoro dopo il successo ottenuto con Gesù – La trilogia.
Ho avuto il piacere e l’onore di scambiare qualche battuta con loro ma, prima di leggere l’intervista, vi consiglio di sfogliare in anteprima il loro albo!


Luigi: Ciao ragazzi, vi ringrazio per il tempo che ci state concedendo. Partiamo dal principio: come si sono conosciuti Stefano e Daniele?
Stefano:
Nel modo in cui si conosce la gente su internet, la si invita a lavorare gratis per te. Gestivo una rivista satirica insieme ad altri tre ragazzi (ScaricaBile), lo stile di Daniele ci piaceva e lo abbiamo invitato a scrivere con noi.
Daniele: Tanto impegno, zero soldi, e nemmeno la promessa di visibilità, come avrei potuto rifiutare?

L: Parliamo della trilogia di Gesù: da dove nasce l’idea di questa storia?
S:
Dopo la lunga gavetta fra riviste e giornali, ho chiesto a Daniele se volevamo inserire il suo stile umoristico e le tematiche satiriche che trattavamo da anni in un fumetto, lui ha accettato e abbiamo iniziato a pensare.
D: Finita l’esperienza di ScaricaBile, avevamo entrambi ancora voglia di tentare, investendoci del nostro e quindi facendo il salto nell’autoproduzione.
S: Visto che Dylan Dog è sotto copyright abbiamo scelto Gesù.
D: Se proprio dovevamo schiantarci, valeva la pena farlo contro la cosa più dolorosa con cui scontrarsi in Italia.

L: Vi aspettavate il successo che avete ricevuto e le varie critiche (mosse da giornalisti e altri personaggi che probabilmente non hanno nemmeno preso in mano uno dei vostri albi)?
S:
Eravamo nuovi al mondo del fumetto, ci stavamo autoproducendo e in più stavamo cercando di portare nel fumetto un umorismo da stand-up comedy americana. Non sapevamo minimamente a cosa stavamo andando incontro.
Il riscontro di pubblico è stato inaspettato e bellissimo (i tre volumi autoprodotti hanno venduto 10000 copie complessive, il più contento è stato il nostro tipografo), e quando arrivano critiche (soprattutto di un certo tipo, vedi il quotidiano Libero) vuol dire che hai colpito i giusti obiettivi e che sei sulla strada giusta.
D: Io sono ancora completamente spiazzato! Non solo non mi aspettavo tanto successo, ma, in compenso, mi aspettavo molte più rotture di cazzo! Ma del resto la nuova censura è il silenzio, non mi sento molto sorpreso.

L: Cos’è cambiato nel passaggio tra l’autoproduzione ed il vostro approdo in Shockdom?
D:
Abbiamo incontrato altre persone che supportano il nostro progetto e stimano il nostro lavoro, e questo ti fa sentire meno solo. Stiamo a stretto contatto con altri autori e professionisti di tutta la filiera.
S: Abbiamo firmato con Shockdom perché ci garantiva una distribuzione e tutto un tipo di lavoro che non potevamo fare da soli. Ci hanno dato fiducia ristampando in un unico volume le tre storie fatte in autoproduzione e dandoci carta bianca a scatola chiusa per il nuovo libro.
D: E poi non ci carichiamo più gli scatoloni e abbiamo più spazio allo stand!

L: Come mai avete effettuato questa scelta?
S:
Perché per raggiungere un pubblico più vasto hai bisogno di strutture che solo un editore può metterti a disposizione, resta lo spirito dell’autoproduzione nei contenuti e nel modo di lavorare con una distribuzione da casa editrice.
D: E se per farlo non devi cedere a compromessi sui contenuti, è un vantaggio per noi, per l’editore, e soprattutto per i lettori che ci trovano più facilmente.

L: Passiamo a parlare della vostra nuova opera. Il titolo è una chiara citazione: quanto c’è di Alan Moore in V for Vangelo?
S:
Io avevo la barba simile fino alla settimana scorsa.
D: Abbiamo in comune la discendenza dalle scimmie, solo che quelle nostre erano più stupide.

L: Cosa dobbiamo aspettarci da V for Vangelo?
D:
La redenzione dal peccato e la salvezza eterna, è chiaro.
S: Secondo me è il nostro volume meglio riuscito, una storia più ampia rispetto ai tre numeri precedenti, più profonda, personalmente volevo un fumetto umoristico che ti lasciasse di più dopo la lettura quindi si è lavorato in quella direzione, vedremo nei prossimi mesi se ci siamo riusciti.

L: Avete avuto carta bianca da Shockdom e, probabilmente, non ve l’aspettavate. Vi siete autoimposti qualche limite?
D:
Sì, abbiamo deciso di non scherzare troppo con gli alieni che non c’entrano niente. Per il resto noi non siamo così scrupolosi, non ci è stato chiesto di limitarci e ringraziamo Gianluca Caputo e Lucio Staiano per non averci nemmeno provato.
S: La “carta bianca” è stata la prima cosa che abbiamo stabilito con Shockdom dopo che ci hanno contattati. Loro hanno dato l’ok e da li abbiamo iniziato a discutere di tutti gli altri aspetti.

L: Da dove nasce la vostra voglia di scherzare su argomenti “seriosi” come la religione e la chiesa?
S:
In realtà, i volumi usciti fino ad oggi fanno satira su vari argomenti, dalla politica al mondo dello spettacolo italiano toccando ovviamente anche la religione.
D: E poi io non scherzo mica! A mio parere, il nostro paese è intriso di culturame cattolico fino al midollo, e la cultura cattolica è la principale causa dell’arretratezza del nostro paese. Spesso anche la gente che non va a messa e non crede in Dio, vive e ragiona secondo “valori” tipicamente cattolici, che vengono scambiati per assoluti. Io penso che questo sia il potere coercitivo più forte che esista in Italia. La satira è controcultura, è il modo migliore che conosca per provare a ristabilire un equilibrio, se non nella società, almeno in come ce la raccontiamo.

L: Nei vostri lavori, a chi vi ispirate?
S:
Per il tipo di umorismo a gente come Bill Hicks, Eddie Izzard, Ricky Gervais (l’elenco è lungo) o a serie come South Park, mentre per il modo di raccontare non ci sono punti di riferimento precisi, cerco di leggere più generi possibili e vedere storie su media diversi, e alla fine rubo da tutto quello che mi piace.
D: La lista è lunghissima, rischierei di dimenticare qualcuno e non voglio fare torti. Ma posso dirti che prendo ispirazione dai Paguri per il gusto nel vestire.

L: Qual è lo scopo ultimo delle vostre opere?
D:
Far ridere.
S: Dare del materiale a Libero.

L: Attualmente risiedete in due città differenti. Come riuscite a lavorare insieme?
S:
Riusciamo proprio perché viviamo in due città diverse, non voglio immaginare una stretta convivenza con Daniele.
D: Santo Skype.

L: Quanto c’è di Daniele e quanto di Stefano nei vostri lavori?
S:
Daniele chi?
D: La consapevolezza che nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma. E le bestemmie.

L: Qual è la vostra battuta preferita in Gesù – La trilogia?
D:
Non mi autocompiaccio delle mie battute, e quindi direi Volume 1, l’energumeno che dice “Grande Gesù, mia nonna ha tutti i tuoi crocifissi”, che è di Ste.
S: “Ogni anno migliaia di persone si allontanano dalla Chiesa e si avvicinano a Dio”. Ah, no, scusa. Questa è di Bill Hicks.

L: Daniele, pensi che il papa ti risponderà, prima o poi, su Twitter? Hai già pensato che sarebbe il caso di spedirgli V for Vangelo in Vaticano?
D:
Non credo che mi risponderà mai, anche perché penso che nemmeno l’abbia mai visto, il suo profilo Twitter. Se mai rispondesse, gli manderei i fumetti dentro una busta con scritto “V for Vaticano”.

L: Dopo avervi tempestato di domande, mi sembra d’obbligo concludere con un classico “Quali sono i vostri progetti per il futuro?”.
S:
V for Vangelo sarà, per ora, l’ultimo volume dedicato a Gesù, di recente abbiamo fatto una proposta a Shockdom, proposta talmente assurda e di cattivo gusto che non ci aspettavamo che venisse presa in considerazione. È piaciuta. Preparatevi al peggio.
D: Aprire un pub per soli sbattezzati.

Saluto Stefano e Daniele, ringraziandoli per la disponibilità e vi ricordo che, a partire dal 19 settembre, potrete trovarli in giro per l’Italia con il loro “Rivoluzione d’Ottobre Tour” e più precisamente:

19-20 Settembre | PoggioComics – Via Roma – Poggiomarino
1-4 Ottobre | Romics – Fiera di Roma – Roma
10 Ottobre | Games Academy – Via Marco Polo, 84 – Pescara
10-11 Ottobre | Le strade del paesaggio – Centro storico – Cosenza
17 Ottobre | Antani Comics – Via Armellini, 6 – Terni
18 Ottobre | Games Academy – Via Eugenio Chiesa, 39 – Roma
29 Ottobre – 1 Novembre | Lucca Comics & Games – Lucca

Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top