Breaking Bad: uno sguardo in "posteprima" - parte 2 - Nerdando.com
Altre nerdate

Breaking Bad: uno sguardo in “posteprima” – parte 2

Breaking Bad: seconda parte!

Breaking Bad: seconda parte!

Come vi ho raccontato nella prima parte di questo resoconto, sto guardando “Breaking Bad” fuori tempo massimo e mi sta piacendo tantissimo. Come vi ho già detto, ho macinato le prime due stagioni in appena un paio di settimane ma, con il procedere della storia, il mio coinvolgimento è arrivato al punto che ci ho messo lo stesso lasso di tempo per guardare le ultime tre. Ora che ho finito, posso dirlo a voce alta: ragazzi, che serie!

“Breaking Bad” è davvero una delle serie migliori mai realizzate, è tutto quello che mi dicevano di lei prima di vederla e anche di più. E lo è perché è una serie coraggiosa. Coraggiosa perché sceglie di cambiare le regole base della serie TV, costruendo qualcosa di nuovo ed inedito. Alla base della serialità stanno, infatti, personaggi abbastanza uniformi e “immutabili nel tempo”: non cambiano, restano così come li abbiamo conosciuti all’inizio del percorso. E, diciamocelo, questo, oltre ad essere poco realistico è anche spesso fonte di una buona dose di noia. Ebbene, con “Breaking Bad” scordatevi di questa regola, i personaggi evolvono e cambiano con il progredire delle situazioni, eccome!

Il percorso dalla terza alla quinta e conclusiva stagione è qualcosa di emozionante, che mi ha tenuta col fiato sospeso ed incollata allo schermo, che mi ha sconvolta e disorientata con i continui ed inaspettati colpi di scena. I personaggi sono “veri”, realistici e ben delineati, le situazioni si evolvono in maniera inaspettata: tutto contribuisce a creare dipendenza nello spettatore. L’aspetto che mi ha colpita di più della seconda parte della stagione è stato, senza alcun dubbio, il cambiamento, già iniziato nella prima parte della serie, del personaggio di Walter White. Nonostante già nelle prime due stagioni si fossero delineati alcuni aspetti del protagonista, è a partire dalla terza stagione che la metamorfosi del personaggio si manifesta pienamente, per culminare soprattutto nella quarta e nella quinta stagione. Ormai non c’è più nulla del timido professore di chimica dell’inizio: Walter ha abbandonato ogni freno inibitore e la sua vera natura è pronta a mostrarsi in tutta la sua lucida crudeltà. Raramente mi è capitato di guardare una serie tv che, contemporaneamente, mi piacesse così tanto ed in cui odiassi il protagonista a tal punto. White si evolve, nel corso della storia, diventando un personaggio detestabile, un essere umano spietato e calcolatore, per il quale è impossibile provare empatia. Il protagonista che, inizialmente, aveva delle motivazioni che giustificassero le sue scelte, gradualmente si cala a tal punto nell’ambiente con il quale è entrato in contatto, finché non ne diviene parte: non c’è più nessun Walter White, solo Heisenberg. Guardando la serie ci ritroviamo, inesorabilmente, a tifare contro il protagonista, a sperare che la polizia riesca a fermarlo ed a svelare i suoi inganni.

Questo, a mio parere, è uno degli aspetti migliori di “Breaking Bad” ed è quello che rende la serie così al di sopra degli standard, così indelebile nel cuore degli spettatori. La prova d’attore di Bryan Cranston, come avevo già accennato, è immensa ma funziona così bene perché supportata da una storia ben scritta e realizzata e da un cast di comprimari altrettanto impeccabile.

Oltre a questo, ci sono altri due aspetti dei quali non avevo parlato nella prima parte di questa riflessione e che, secondo me, contribuiscono in maniera netta alla qualità della serie ed a renderla indelebile nei ricordi degli spettatori: la regia e la colonna sonora. Lo stile registico di “Breaking Bad” è molto personale e riconoscibile e si adatta benissimo allo stile della storia. In particolare, gli stacchi e le inquadrature particolari e originali hanno saputo conquistarmi e valorizzare al meglio il potenziale della serie che, con una regia più piatta e canonica, di sicuro avrebbe perso molto del suo appeal. In questo discorso si inserisce anche il lavoro svolto dalla colonna sonora: i pezzi scelti, in molti casi inaspettati per una serie che affronti le tematiche di cui tratta “Breaking Bad”, si sposano a meraviglia con le immagini, e restano indissolubilmente legate, nei ricordi, ad un preciso momento della storia. (A proposito, io sono a caccia del CD con la colonna sonora ufficiale).

In conclusione, una Serie con la S maiuscola, di quelle che purtroppo non capitano tutti gli anni e che non ci si stanca mai di riguardare. Come avrete notato, ho volutamente evitato di parlare del finale: nel caso non fossi l’unica “ritardataria” che è arrivata nel 2015 senza aver visto “Breaking Bad”, evito spoiler ma, fidatevi, mi ha lasciata davvero a bocca aperta, è la conclusione perfetta per la storia. Se siete tra coloro che non l’hanno ancora vista, quindi, spero di avervi incuriositi!



Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top