Child of light - una favola lunga un sogno - Nerdando.com
Videogames

Child of light – una favola lunga un sogno

Child of light

Child of light

Facciamo un gioco, volete? Immaginate il mondo tolkieniano della Terra di Mezzo, le dolci colline della Contea, i profili aspri di Mordor, le oscure profondità di Moria. Immaginate le orde di orchi e le armate di cavalieri in armatura luccicante. Immaginate i draghi, i mostri, gli elfi e i nani. Immaginate colossali battaglie dipinte a tinte forti, con violenti chiaroscuro e musiche epiche a spingere gli eserciti.
Avete fatto? Bene: ora buttate via tutto ed immergetivi in un sogno a tinte pastello.
Child of light è una favola, né più né meno. Una favola 2D che tanto ricorda gli RPG a scorrimento nipponici, ma con tinte morbide, musiche rilassanti e illustrazioni affascinanti dal gusto tipicamente europeo.

Ammetto di essermi avvicinato a questo gioco per puro caso. Ho approfittato di una delle molte offerte del Countdown to 2015 e sono andato a spulciare la scheda di questo gioco sullo Store Microsoft. La prima cosa che mi ha colpito è stata proprio la grafica: sembrava di aprire uno dei libri di illustrazioni di mia figlia, con tinte morbide, colori avvolgenti, personaggi ritratti con poche e sapienti linee che danno all’istante l’idea del carattere e dell’emozione del momento.
Non ci ho pensato due volte, preso e scaricato.
La mia idea era quella di un gioco “di transizione” tra due colossi; due di quelli, per intenderci, che richiedono un paio di mesi per essere sviscerati finiti. Mi approccio quindi a Child of light subito dopo aver finito Far Cry 4, e pensare che siano stati prodotti entrambi dalla stessa casa è quasi alienante…

La voce dolce e suadente della narratrice mi racconta brevemente l’antefatto: Aurora, figlia del duca d’Austria, si addormenta la notte delle seconde nozze del padre e viene rapita dalle creature del buio e portata all’interno di un mondo onirico fatto di mostri pericolosi, magia e mistero: Lemuria. Qui scopre che la malvagia strega Umbra (Bayonetta, batti un colpo) ha rubato il sole, la luna e le stelle… e che l’unico modo di svegliarsi dal suo sonno e tornare da suo padre è quello di salvare Lemuria dalla tirannia della strega.
L’impatto è, come detto, affascinante. Le dinamiche di gioco sono semplici e immediate: un platform 2d a scorrimento orizzontale e verticale. Ma ecco che dopo pochi minuti appare subito un nuovo personaggio, un fuoco fatuo da controllare con il right stick o (per la gioia di mia figlia) con un secondo controller. Da quel momento ci si addentra nelle tematiche più complesse del gioco: iniziano a far capolino i primi enigmi (come in Limbo, ma decisamente più semplici), i primi collezionabili da cercare, e i primi mostri da sconfiggere.
Il sistema di combattimento è un vero richiamo ai vecchi JRPG: l’azione si sposta in una sorta di arena con i buoni da una parte (Aurora e i suoi alleati, che troviamo lungo il cammino) e i mostri dall’altra. Il combattimento si svolge a turni, secondo una linea del tempo che possiamo influenzare grazie all’intervento del fuoco fatuo, alterare buttando nella mischia gli altri pezzi della compagnia e giocare di strategia su filo delle abilità e dei punti deboli dei nostri avversari.
Essendo poco avvezzo al tipo di combattimento, ho fatto un po’ di fatica ad entrare nell’ottica giusta; tuttavia, dopo un attimo di ambientazione, e dopo aver potenziato le abilità dei miei personaggi, devo dire che le battaglie sono piuttosto soddisfacenti da vivere, al punto che sono andato a cercarmi di proposito scontri non necessari per guadagnare altri punti esperienza da spendere in abilità e potenziamenti.
A tal proposito, mi è piaciuto anche il meccanismo degli oculi, in pratica gemme preziose da combinare e potenziare, per creare artefatti che influenzano gli elementi di attacco e difsesa, dando, ad esempio, la possibilità di infliggere danni aggiuntivi da fuoco, ghiaccio e così via…

A farla da padrone, però, è ancora lo storia. Le traduzioni italiane sono perfette e tutti i personaggi parlano in rima come in tutte le fiabe che si rispettino. Belli i dialoghi e belli i personaggi, dal topo arcere, allo gnomo trecidenne con barba folta, fino al giocoliere impacciato… dei veri compagni di viaggio a cui voler bene.
Infine il tutto è accompagnato da una colonna sonora dolce e avvolgente, nei momenti tranquilli di esplorazione, che si trasforma per accompagnarci nelle fasi concitate delle battaglie.

Concludendo: Child of light è un piccolo gioiello, da giocare e rigiocare, magari a difficoltà maggiore per potenziare al massimo i propri personaggi, per cercare le pagine della storia perdute e per affrontare ancora le seduzioni della perfida strega Umbra.
Riuscirà Aurora a salvare Lemuria e a tornare da suo padre? Imbracciate il controller e scopriamolo insieme.



Se ti è piaciuto, condividi questo articolo!
Passiamo tempo #Nerdando

About

Nerdando.com è un’associazione culturale ed un blog scritto a più mani da amici che, avendo in comune alcune passioni, vogliono condividere sul web notizie, esperienze, pensieri e guide, cercando di aprire dialoghi e trarre spunti costruttivi per la stesura di nuovi articoli. In buona parte, gli autori di Nerdando.com non sono più giovanissimi ed il tempo libero, intorno e dopo i trent’anni, diminuisce sempre di più ma imperterriti non accantonano i loro hobby. Realizziamo post ed articoli quotidianamente, con uno stile simile ad una chiacchierata con un amico che condivide con noi gli stessi interessi ed è questo l’elemento di forza e di distinzione del nostro progetto. Il nostro amore per il mondo nerd ci spinge ad essere costantemente presenti durante fiere ed eventi sul territorio nazionale. Vi consigliamo di seguire anche la nostra pagina Facebook, aggiornata costantemente.

La redazione

© Copyright 2014-2017 Nerdando.com | Sede Legale Via Centoventitreesima Brigata Fanteria, 31 66100 Chieti | C.F. 93055900695 | Email info@nerdando.com

To Top